Asterix di RenÚ Goscinny e Albert Uderzo

I nomi nel mondo di Asterix

Un altro degli aspetti più interessanti di tutta la saga a fumetti di Asterix, è l’uso che fanno gli autori (ma Goscinny era più geniale in questo del suo compagno Uderzo) dei nomi dei personaggi per indicare caratteri o aspetti dello stesso, che si rivelano poi nel corso dell’avventura. Una derivazione di questo è l’uso che viene fatto dei suffissi, per indicare la provenienza etnico-geografica dei personaggi.

Qui di seguito propongo una piccola casistica di divinità gallo-celtiche (quelle greco-romane credo siano note), personaggi storici realmente esistiti che sono entrati a far parte del mondo di Asterix ed un elenco dei personaggi principali e della spiegazione del loro nome. In alcuni casi ho riportato anche il nome delle versioni inglesi, americane e francesi quando sono diverse dalla versione italiana.

DIVINITA’

Amora: Dea della senape! L'autenticità di questa divinità può essere messa in dubbio. In effetti l’unica conferma della sua esistenza è l’albo ”Asterix e l’Indovino”, e delle tavolette dei supermercati che si trovano solo in Francia.

Belenos (Belenus): Dio celtico della luce e guarigione. Un soprannome gallo-romano per Apollo; sposato con Belisama.

Belisama: Dea gallica, compare solo come esclamazione; è la dea della luce e del fuoco. Belenos e Belisama possono essere comparati ai romani Apollo e Minerva.

Borvo: Dio delle fonti, menzionato in ”Asterix e l’Indovino”.

Cernunnos: Dio della natura, menzionato in ”Asterix e l’Indovino”.

Epona: Dea della guerra.

Esus: Dio della vita, nominato in ”Asterix e l’Indovino”.

Lug: da quanto ho capito una delle divinità fondamentali del pantheon celtico, ma coperto da parecchio mistero, nominato in ”Asterix e il regalo di Cesare” e ”Asterix e lo scudo degli Arverni”.

Rosmerta: Dio della provvidenza.

Séquana: Dea della Senna, il fiume che scorre attraverso Lutezia (oggi Parigi).

Sucellus: Dio dei morti (romano?).

Taranis: Dio del tuono, viene citato in più avventure, paragonabile per certi aspetti al Thor germanico.

Toutatis: Dio gallico del villaggio. Appare solo come esclamazione, conosciuto anche come Teutates. Letteralmente ”Dio del popolo/villaggio”. Non era solo il dio della guerra, ma anche della guarigione, fertilità e protezione. Strano mix... :-)

E’ anche il nome di un asteroide che vaga per il nostro sistema solare: la sua massa è abbastanza consistente, sufficiente comunque per meritarsi il nome di un dio (seppur gallico) che non un semplice numero di catalogazione. E’ stato scoperto da un astronomo francese, e come vuole la tradizione, egli ha scelto un nome preso dalla mitologia autoctona, quindi celtica.

PERSONAGGI STORICI:

Bruto: Figlio adottivo e poi assassino dello stesso Cesare.

Carnuti: La tribù dei Carnuti è veramente esistita, e lo stesso Cesare ne dà notizia in uno dei suoi commentarii. Era localizzata fra le attuali città di Orleans e Chartres. I druidi vi tenevano consiglio e prendevano le decisioni che sarebbero poi state adottate da tutte le tribù.

Cesare, Caio Giulio: Generale e statista romano. 100 a.C. - 44 a.C., raggiunse il potere nel 60 a.C. come parte di un triumvirato, assieme a Pompeo e Crasso.

Cleopatra: Figlia di Tolomeo XII, nata nel 69 a.C. governò l’Egitto dal 51 fino alla sua morte, avvenuta nel 31 a.C. Dopo l’assassinio di Cesare, conquistò il cuore di Marco Antonio, ma si uccise subito dopo la sconfitta del suo amato ad Anzio nel 31 a.C. dopo la battaglia contro Augusto.

Scipione: Soprannome di una parte della famiglia romana Cornelia, fu uno dei nemici di Cesare che determinò la guerra civile.

Vercingetorige: Capo dei Galli (72 - 46 a.C. circa), che sconfisse Cesare a Gergovia ma che fu completamente annientato dallo stesso Cesare ad Alesia nel 50 a.C. E’ sempre visto come un punto di riferimento e rappresentato in flashback all’atto della sottomissione.

GLI ABITANTI DEL VILLAGGIO

Abraracourcix: à bras raccourcis, locuzione francese che significa ”a tutta forza”, letteralmente "a braccia raccolte" come i pugili in attesa di sferrare il colpo. Il capo del villaggio, una macchietta, ma in fondo buon capo. In Americano Macroeconomix. Assurdo. In inglese Vitalstatistix, probabilmente riferendosi al suo giro vita.

Assurancetourix: assurance tous risques - assicurazione contro tutti i rischi, il bardo del villaggio, ed in effetti... Cacofonix in inglese e Malacoustix in americano.

Asterix: Asterisco, il nostro eroe. Vedi anche sotto Obelix per altri dettagli.

Automatix: automatico, il fabbro del villaggio, sempre in perenne lite con Ordinalfabetix, e vieta sempre ad Assurancetourix di intonare canti nei momenti più intensi (partenze o arrivi dei nostri eroi). In francese Cetautomatix.

Beniamina: la moglie del capo del villaggio. In francese Bonemine, in americano è chiamata Belladonna, che rispecchia forse meglio il suo carattere, e in inglese Impedimenta, non tanto perché è impedita, quanto perché impedisce ad Abraracourcix di fare quello che vuole (o quasi, ma in fin dei conti è la moglie - del capo!).

Idefix: idea fissa, il cane amico di Obelix e Asterix. Si veda l’articolo su Pilote in proposito, in quanto fu indetta una gara per dare un nome al cagnolino fra i lettori della rivista. In inglese Dogmatix, da dogma.

Ielosubmarine: “Yellow submarine”, dalla famosa canzone dei Beatles, è la moglie di Ordinalfabetix, il pescivendolo. In inglese Bacteria.

Matusalemix: E’ il più anziano, di età imprecisata, vecchio quanto Matusalemme (più o meno!). Nella versione francese si chiama Agecanonix, in quella americana Arthritix, dalla malattia artrite, che però a vedere come si comporta, non sembra ne soffra, e in quella inglese Geriatrix, da geriatria, la scienza che studia le malattie degli anziani. Riguardo alla sua età, in ”Asterix alle Olimpiadi” abbiamo qualche dato in più. Matusalemix ad un certo punto dice che si sente di dieci anni più giovane e Asterix risponde che ha allora 83 anni. Si può pensare che all’epoca egli ne avesse quindi 93. Possiamo anche spingerci oltre, dal momento che sappiamo indicativamente quando si svolge la storia di Asterix, e sappiamo con certezza che i giochi olimpici si svolgevano ogni quattro anni. Chi vuole può cimentarsi con qualche calcolo, per verificare l’anno di nascita di Matusalemix. Se serve a qualcuno... ^____^

Obelix: Obelisco, che oltre ad essere la scultura verticale tipicamente egiziana, a quattro lati e con la cima piramidale, è anche un carattere tipografico. Assieme agli asterischi era usato spesso per le note a pié di pagina e come riferimento a note o parole in molti libri e giornali. In Nuova Zelanda un’intera generazione è cresciuta credendo che il nome dell’asterisco fosse appunto ”asterix”. Sembra inoltre che l’asterisco e il punto esclamativo (quindi una sorta di obelisco stilizzato) sono due simboli creati da Cicerone. Nei vecchi manoscritti l’asterisco indicava un chiarimento, e un punto esclamativo un commento critico.

Il"Grande Vecchio di IAF"™ Marco P. riferisce di una intervista a Carlos Trillo pubblicata su Fumo di China 20bis, luglio/agosto 1993, pagina 14.

[si parla di Tex come personaggio tipicamente italiano]

D - Anche in Argentina c'e' un fumetto "tipico"?
Trillo - Abbiamo un personaggio simile, un indiano della Patagonia chiamato Patoruzu: un italiano non capirebbe niente. E' una storia umoristica, alla quale tantissimi anni fa ha lavorato anche Goscinny, l'autore di Asterix. Ma c'e' di piu': Patoruzu ha un fratello che e' identico a Obelix, il compagno del piccolo gallo. Poi Goscinny ha rivelato di essersi ispirato a questo fratello per il suo Obelix.

Marco P. chiosa il tutto sottolineando che Patoruzu e' in Argentina l'equivalente di Topolino e Asterix (e un po' anche Tex) messi insieme, e viene pubblicato ininterrottamente dagli anni Venti.

Ordinalfabetix: Ordine alfabetico, il pescivendolo. Carina la traduzione inglese, Epidemix, perché ammorba la gente e l’ambiente con i suo pesci non proprio freschissimi. In francese Ordrealfabetix.

Panoramix: Panorama (sulla cultura e saggezza?), il saggio druido del villaggio. In americano Magigimmix, magic gimmicks ossia espediente, trucco magico.

Pirati: Ispirati ad un altro fumetto francese molto popolare, sempre pubblicato su Pilote negli anni ‘60, ”Barbe-Rouge” (barbarossa). Il nome del capitano è Erix, ma di più non ci è dato di sapere. Cfr. "La galera di Obelix".

La moglie di Matusalemix: lo stesso Uderzo disse che voleva mantenere una sorta di riserbo attorno al nome e al personaggio stesso.

Scheda di MailMaster C.
In questa pagina:
  • Le DivinitÓ
  • Personaggi storici
  • Personaggi villaggio


  • Altre pagine:
  • Bibliografia italiana
  • Cronologia
  • FAQ
  • Il film
  • Il parco divertimenti
  • Il processo
  • I nomi
  • Riferimenti Culturali
  • Scandalo
  • Siti e Link
  • Scheda


  • Autori:
  • Albert Uderzo
  • René Goscinny
  • Altri franco-belgi
  •  

    Cesare



    Abraracourcix

    Assourancetourix
















    Matusalemix



























    Panoramix
    Pirati
    inizio